Daia – Campione italiano di lavoro

Felice Steffenino

daia

Daia LOI 24898 – Bracco Italiano femmina bianco arancio

Daia è nata l’1.4.1978 da Umago e da Creta, figlia di Sara titolare di due CAC in Classe Libera sul ring e di Bob di Zerbio, progenie di Lir 2° dei Ronchi.

Allevatore: Pierino Porzio

Proprietario: Arturo Fabbri

Conduttore: Luigino Bottani

Luigino Bottani
Luigino Bottani con Daia

Titolo conseguito da Daia

  • Campione italiano di Lavoro

Partecipazione ai concorsi

Sul ring, al Raduno di Club di Altavilla, nel 1980, Paolo Ciceri le rilasciò il 1° ECC, a quello di Praglia, nel 1982, G. Colombo Manfroni il 2° ECC.

Sul terreno, tra il 1979 ed il 1982, conseguì 17 risultati con 9 vittorie. Ottenne il primo, classificandosi 2° MB in prova di caccia a Castelletto Cervo nell’ottobre del 1979.

Inoltre, nella specialità, vinse con il CAC CACIT a Casalecchio di Reno, nel marzo del 1982, davanti a Duca di Montepetrano, figlio di Umago che ottenne la Riserva, a San Giovanni della Querciola nell’ottobre dello stesso anno, battendo Fer che ottenne la Riserva di CAC, con il CAC a Castelletto Cervo nel novembre del 1979, battendo lo spinone Trudy che si classificò 2° MB.

Infine si affermò ancora tre volte con l’ECC di cui una in occasione della Semifinale regionale del Campionato della Federcaccia, a Ornago nel settembre del 1981, un’altra ad Arena Po in occasione della eliminatoria provinciale del lo stesso Campionato federativo, si classificò 2° ECC, due volte con il MB, ottenne un CQN.

In prova di caccia su starne, vinse con il CAC CACIT a Piacenza nel marzo del 1982, battendo lo spinone Trebbio che si classificò 2° ECC.

Concorse in prove classiche su quaglie liberate. Vinse con l’ECC, si classificò con l’ECC e con il MB, ottenne un CQN. Completò le distinzioni per il titolo nazionale di lavoro a Casalecchio di Reno nel marzo del 1982, a 3 anni e 11 mesi di età. Dopo il 1982, completerà, sul terreno, le distinzioni anche per il titolo internazionale di lavoro e, nel 1984, vincerà il 47° Campionato della Federcaccia.

Caratteristiche attitudinali

Risultò soggetto intraprendente, di carattere, con trotto e porta mento tipici, eleganti. Sfoggiava azione impegnata e continua, cerca avida, ampia, attenta, entusiasmanti interrogazioni sul vento, facilità di incontro con presa di punto espressiva e filata caratteristica di razza.

Riproduzione

Nel periodo considerato, non risulta ancora avere generato prole che abbia conseguito risultati sul terreno.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *